Roma, 26 Maggio 2017  
HOME
Marco Causi
Professore di Economia politica, Facoltà di Economia "Federico Caffè", Università Roma Tre
Deputato dal 2008, rieletto nel febbraio 2013
 
Una bussola virtuale dell´economia reale
Questo sito è a disposizione di chi voglia affrontare i temi del nostro tempo, con la curiosità per il mondo
 
La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



29/12/2016 M.Causi
Banche, Causi a Schauble: misure italiane coerenti con regole Ue
MERCOLEDÌ 28 DICEMBRE 2016 20.12.29 

Banche, Causi a Schauble: misure italiane coerenti con regole Ue 

Banche, Causi a Schauble: misure italiane coerenti con regole Ue Germania ha impiegato 250mld, a noi ne basteranno 20 Roma, 28 dic. (askanews)

"Vorrei tranquillizzare il Ministro delle finanze della Germania Federale: i provvedimenti del governo italiano sulle crisi bancarie sono pienamente coerenti con le regole europee, le quali non impediscono interventi precauzionali effettuati dallo Stato per evitare rischi di natura sistemica". Lo dichiara Marco Causi, deputato e componente Pd in Commissione Esteri alla Camera. "Il Ministro Schauble - continua - d´altra parte sa bene che la Germania ha impiegato circa 250 miliardi di risorse pubbliche per stabilizzare il suo sistema bancario, mentre all´Italia ne basteranno meno di 20. Il vero punto di novità emerso dalle crisi bancarie italiane in relazione alle norme europee sul ´bail in´, riguarda il trattamento degli obbligazionisti subordinati retail, e cioè dei piccoli risparmiatori che hanno acquistato titoli bancari rischiosi, quasi sempre inconsapevoli o male informati dei rischi nascosti in quegli strumenti finanziari. Questo punto è già stato riconosciuto dalle autorità europee nel procedimento di risoluzione delle quattro piccole banche regionali avvenuto lo scorso anno, attraverso un meccanismo di rimborso quasi automatico. Nel nuovo pacchetto varato dal governo Gentiloni si prevede la conversione dei titoli subordinati dei piccoli risparmiatori in obbligazioni ordinarie: non un rimborso monetario, quindi, ma uno scambio di carta (rischiosa) con carta meno rischiosa. Se si accetta il principio della salvaguardia del piccolo risparmio, come si è già fatto l´anno scorso, non si capisce perché questo nuovo meccanismo - che non prevede neppure un rimborso - non dovrebbe essere valutato positivamente". "Io penso che, al di là delle schermaglie, anche il Ministro delle finanze tedesco sia ben consapevole che fermare le crisi bancarie italiane, che sono comunque ben circoscritte, ha un beneficio per la stabilizzazione dell´intero sistema finanziario europeo", conclude.
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2017 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam