Roma, 15 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



17/12/2015 M.Causi
Educazione finanziaria: ci vuole una strategia nazionale
Ordine del Giorno 9/03444-A/293, presentato da CAUSI Marco

La Camera, 

premesso che: 


   i commi da 491-bis a 491-quaterdecies, del provvedimento in esame riproducono il contenuto del decreto-legge 22 novembre 2015 n. 183, attualmente all´esame parlamentare, il quale, nel quadro delle procedure di risoluzione delle crisi bancarie, ha inteso agevolare l´attuazione dei programmi di risoluzione della Cassa di risparmio di Ferrara Spa, della Banca delle Marche Spa, della Banca popolare dell´Etruria e del Lazio - Società cooperativa e della Cassa di risparmio della Provincia di Chieti Spa; 
   le drammatiche vicende connesse all´avvio delle procedure di risoluzione in seguito alla crisi delle sopra indicate banche territoriali stanno minando il clima di fiducia dei risparmiatori che lentamente negli ultimi mesi stava mostrando segni di ripresa; 

   secondo statistiche nazionali e internazionali la ricchezza netta le famiglie italiane è fra le più elevate al mondo, pari a 8.728 miliardi di euro, di cui il 40 per cento impiegati in attività finanziarie; 

   l´Italia è anche uno dei paesi dove risulta più ampia la forbice tra ricchezza privata (più di Usa e Germania) e la cultura degli investimenti; 

   un rapporto Ocse ha evidenziato come l´Italia sia l´unico paese in Europa privo di una strategia nazionale di educazione finanziaria (http://www.oecd.org/daf/fin/financial- education/National-Strategies-Financial-Education-Policy-Handbook.pdf ); 

   questa situazione si determina anche in ragione dell´assenza di politiche serie, capillari e permanenti di alfabetizzazione finanziaria; 
   molte istituzioni hanno assunto iniziative in materia, fra queste la Banca d´Italia, la Consob, l´Abi, e tuttavia in assenza di una coordinata strategia la cui regia non può che essere del Governo, ciascuna singola iniziativa rischia di non raggiungere la sufficiente massa critica, e quindi una soddisfacente efficacia; 
   un´azione governativa potrebbe mettere in campo, accanto al coordinamento dei diversi soggetti già attivi in materia, un intervento continuo nel tempo, garantito in termini di terzietà, capace soprattutto di intrecciare educazione finanziaria e attività svolte dal sistema nazionale dell´istruzione; 
   il servizio di educazione finanziaria presente nel Regno Unito potrebbe essere una buona pratica da implementare anche in Italia; in particolare nel Regno Unito, l´alfabetizzazione finanziaria è affidata ad un soggetto esterno di nomina governativa, sottoposto al costante monitoraggio di risultato da parte del Governo; Money Advice Service (MAS), impiegando 130 persone a tempo pieno, provvede a pubblicare ori line costantemente notizie e materiale educativo; 
   gli strumenti di una strategia nazionale di educazione finanziaria da parte del Governo dovrebbero essere basati su uno specifico investimento di carattere organizzativo all´interno del Ministero dell´economia e delle finanze, ad esempio attraverso la creazione di un´apposita unità organizzativa; sulla redazione di apposite linee guida; sulla costruzione di un apposito sito web con una sezione di chat in tempo reale con esperti dedicata; sulla predisposizione di materiali e format di carattere educativo e divulgativo utilizzabili in contesti diversificati ed eterogenei (scuole, università, reti radiofoniche e televisive, eccetera); 
   gli obiettivi di una strategia nazionale di educazione finanziaria da parte del Governo dovrebbero promuovere la comprensione da parte dei cittadini dei meccanismi di indebitamento e di investimento, la consapevolezza dei benefici della pianificazione finanziaria e la capacità di misurazione dei profili di rischio e di rendimento associati con le diverse tipologie di prodotti finanziari,


impegna il Governo


a valutare l´opportunità di varare entro sei mesi una strategia nazionale per l´educazione finanziaria, con la redazione di apposite linee guida e l´attuazione delle necessarie misure organizzative da parte del Ministero dell´economia e delle finanze. 


9/3444-A/293. (Testo modificato nel corso della seduta)  Causi.

 



 
Clicca qui per l´articolo sull´educazione finanziaria di Andrea Greco su La Repubblica

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam