Roma, 15 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



02/12/2014 M.Causi
FATCA: un nuovo mondo sta nascendo con la fine del segreto bancario
Marco Causi
 
A quattro anni e mezzo di distanza, oggi possiamo affermare che quella battaglia sta per essere vinta, e che il segreto bancario sta per essere superato nella maggior parte dei paesi del mondo, Svizzera compresa. Si tratta di un aspetto fondamentale in quella che viene comunemente chiamata "nuova regolazione internazionale della globalizzazione", e cioè il tentativo della comunità internazionale di dotarsi di istituti multilaterali che consentano la riduzione degli effetti negativi indotti dalla globalizzazione e dalla libertà di movimento dei capitali.
Infatti, mentre FATCA procedeva per la sua strada − con gli USA impegnati a stipulare accordi con tutti i paesi, compreso quello con l´Italia, entrato in vigore a partire dal primo luglio 2014, garantendo fra l´altro reciprocità, e quindi scambio di informazioni non solo dall´Italia verso gli USA ma anche dagli USA verso l´Italia − gli stessi Stati Uniti, insieme ai cinque grandi paesi dell´Unione Europea (Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Spagna), hanno ampliato l´iniziativa alle istituzioni multilaterali, a partire da G20, Global Forum e OCSE, con l´obiettivo di introdurre a livello globale uno standard di scambio di informazioni bancarie e finanziarie valido per tutte le giurisdizioni fiscali.
Questo standard ha visto la luce il 13 febbraio 2014 e si chiama CRS, Common Reporting Standard. Il modello nato per consentire a qualunque paese di scambiare informazioni in automatico con gli Stati Uniti si è convertito così in un modello che permette a tutti i paesi aderenti di scambiare automaticamente informazioni fra di loro.
La firma dell´accordo multilaterale è avvenuta a Berlino, in occasione della riunione annuale plenaria del Global Forum, il 29 ottobre 2014. Il G20 di Brisbane, il 15-16 novembre 2014, ha adottato il CRS.
La Presidenza italiana del semestre europeo ha accelerato l´adozione del modello di scambio di informazioni fra i paesi dell´Unione, ottenendo il via libera in occasione della riunione Ecofin del 14 ottobre. Tutti i paesi europei sono impegnati ad adeguare le loro normative interne entro il 31 dicembre 2015 e ad applicare la nuova direttiva sullo scambio di informazioni a partire dal primo gennaio 2016 (la sola Austria ha chiesto e ottenuto un anno di tempo in più).
Insomma, sia pure con grande fatica e lentezza, la pressione dell´amministrazione Obama − alleata per l´occasione con i cinque grandi paesi europei, anche loro una volta tanto uniti e non divisi, come invece avviene purtroppo su altri terreni di discussione delle politiche economiche − sta facendo crollare il segreto bancario. A Berlino 51 paesi hanno sottoscritto l´accordo per avviare lo scambio di informazioni nel 2017, mentre altri 35 paesi lo avvieranno nel 2018.
Il 19 novembre il CRS è stato firmato dalla Svizzera, con l´impegno ad adottarlo dal 2018. E questa è una notizia importante per i tanti italiani che hanno collocato in Svizzera disponibilità finanziarie. Per offrire loro un percorso legale di emersione è in discussione al Senato la legge sulla voluntary disclosure, già approvata dalla Camera, che potrebbe essere la base di un accordo bilaterale fra il nostro paese e la Confederazione elvetica per anticipare l´entrata in vigore dello scambio di informazioni e favorire una transizione ordinata al nuovo regime.
Com´è noto, la globalizzazione comporta benefici ma anche costi. Lo sregolato e convulso sviluppo dei mercati finanziari è stata una della cause della Grande Recessione. La fine del segreto bancario è un mattone importante, decisivo, di una nuova regolazione internazionale, non solo ai fini anti-evasione, ma anche per ridurre la concorrenza fiscale fra gli Stati e contrastare quei movimenti di capitale che tendono ad occultare la provenienza dei fondi. E´ stato fondamentale il ruolo esercitato dagli Stati Uniti di Obama. Ma altrettanto importante quello dei cinque grandi paesi europei, e in particolare dell´Italia sia prima che durante il semestre di Presidenza dell´Unione. Con buona pace per chi si ostina a non riconoscere i risultati importanti che l´Italia sta raggiungendo nelle sedi europee e internazionali.
 
(Intervento in discussione generale a Montecitorio il 2 dicembre 2014, in occasione della ratifica dell´accordo FATCA fra Italia e Stati Uniti)
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam