Roma, 15 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



10/07/2014 M.Causi
Un nuovo strumento di credito per le famiglie: il prestito vitalizio ipotecario
Dichiarazione di voto, Montecitorio, 10 luglio 2014
 
Le riforme sono di varia natura. Ci sono quelle strutturali (come le riforme costituzionali o quelle delle regole del mercato del lavoro), ci sono quelle con sviluppo a medio termine (la delega fiscale ad esempio, il cui primo decreto viene incardinato oggi: 105 pagine di semplificazioni negli adempimenti fiscali). Ci sono quelle che intervengono in modo chirurgico su singole questioni, qualcuno ha detto "lavorando con il cacciavite".
 
La modifica delle norme vigenti sui prestiti ipotecari vitalizi appartiene alla tecnica del "cacciavite". La proposta di legge prende spunto da un accordo fra ABI e tredici associazioni dei consumatori. L´obiettivo è di rendere pienamente funzionante anche in Italia quello che nei paesi anglosassoni è noto come "reverse mortgage". Si tratta di uno strumento che rende possibile per il settore creditizio attivare prestiti ad una categoria di persone − quelle anziane e molto anziane − le quali sono generalmente considerate "non bancabili". L´abitazione è posta a garanzia del prestito, con un meccanismo più efficiente e più equo, anche sul piano attuariale, di quello generato dalla vendita della nuda proprietà (che oggi viene usata da ben 20 mila persone all´anno).
 
Si tratta di prestiti a medio o lungo termine, non di mutui, poiché non c´è un rateo annuo da pagare. Una delle modifiche che viene introdotta è la facoltà di pagare anno dopo anno i soli interessi.
 
Le altre novità sono tre: una maggiore garanzia per gli eredi, per i quali il debito da restituire dopo l´evento negativo non potrà superare il valore dell´immobile; una maggiore garanzia per le banche, le quali passati 12 mesi, se gli eredi non hanno ancora ottemperato alla restituzione, possono mettere in vendita l´immobile posto a garanzia, fermo il diritto degli eredi a percepire l´eventuale differenza fra prezzo di vendita e debito da restituire; l´estensione anche a questo strumento delle norme vigenti di agevolazione fiscale per i prestiti a lungo termine, indipendentemente dalla data del rimborso, la quale ovviamente a priori non è conosciuta.
 
Nel Regno Unito, dopo la grande crisi finanziaria e immobiliare del 2008-2009, questo canale ha attivato 5 miliardi di sterline di credito bancario per le famiglie. Il 30 per cento di queste risorse sono state utilizzate dalle persone anziane per aiutare figli e nipoti nell´acquisto della casa, oppure nello start up della vita lavorativa e professionale.
 
L´auspicio che i presentatori del progetto di legge formulano è che anche da parte del sistema bancario italiano ci sia una risposta positiva, attivando così nuovi e sperabilmente ingenti flussi di credito alle famiglie, facendo leva sulla principale forma di ricchezza delle famiglie italiane e cioè sulla proprietà immobiliare. Questi flussi di credito potranno sostenere non solo i consumi, ma anche gli investimenti delle famiglie, anche in chiave inter-generazionale, giocando un ruolo positivo nella riduzione del razionamento del credito che tanta parte ha avuto e sta avendo come causa della perdurante stagnazione dell´economia italiana.
 
Non è un intervento di politica sociale. Non si tratta certo di un´alternativa alle misure di sostegno del reddito e di lotta all´esclusione sociale. Si tratta, più modestamente, di provare a far funzionare una tipologia di contratto finanziario che in Italia finora non si è diffuso, probabilmente a causa di difetti di tipo normativo.
 
Come primo presentatore del progetto di legge, insieme ad Antonio Misiani, voglio cogliere l´occasione per ringraziare il mio gruppo parlamentare che lo ha voluto scegliere fra le sue priorità; tutti i colleghi e colleghe della Commissione Finanze, che hanno partecipato alla sua analisi e discussione; in particolare Paolo Petrini, che in qualità di relatore ha svolto un complesso lavoro di merito con grande competenza ed attenzione; i gruppi parlamentari di opposizione, i quali − tutti tranne uno − hanno espresso il loro voto favorevole, dimostrandosi capaci di un positivo confronto sul merito di una proposta di legge di iniziativa parlamentare; il Governo, che nell´espressione del suo parere favorevole ha voluto cogliere l´importanza di una modifica normativa che, seppure di chirurgica entità, seppure insomma facente parte della modalità "riforme col cacciavite", può però ambire a sbloccare importanti flussi creditizi per le famiglie italiane.
 
Annuncio pertanto il voto favorevole del gruppo del Partito Democratico.
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam