Roma, 15 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



13/06/2012 
Causi (PD): "Alemanno inaugura la B1 alla chetichella: forse ha qualcosa di cui vergognarsi?"
Causi (PD): "Alemanno inaugura la B1 alla chetichella: forse ha qualcosa di cui vergognarsi?"
"L´inaugurazione della linea B1 della metropolitana romana è avvenuta alla chetichella, come se lo stesso Sindaco Alemanno, nel tagliare il nastro, si vergognasse" Dichiara Marco Causi, deputato PD e componente della Commissione finanze di Montecitorio.
"E in effetti qualche motivo per vergognarsi Alemanno lo ha, visto che l´opera che da oggi migliora le condizioni di mobilità, e quindi di vita, di 250 mila persone, è frutto di un lavoro più che decennale che l´attuale Sindaco non ha avuto l´onestà di riconoscere. Conviene allora rispolverare la memoria: la B1 viene inserita nella programmazione nazionale nel 1999, il piano finanziario approvato dal consiglio comunale nel 2002, la gara indetta dalla giunta comunale nel 2003 e aggiudicata nel 2004, il cantiere aperto nel novembre 2005 e completato nel dicembre 2011. Quattro giunte comunali e diversi governi nazionali, insomma, hanno contribuito alla realizzazione di questa importante opera, ed è davvero sconcertante che gli attuali rappresentanti pro tempore del Campidoglio non vogliano ricordarlo."
"Forse Alemanno vuole evitare una domanda imbarazzante" conclude Causi: "Oggi lui inaugura qualcosa progettata e messa in cantiere nel passato, ma domani a chi capiterà di aprire qualcosa avviata dall´attuale giunta? Probabilmente a nessuno, perché se in qualcosa si è distinto l´attuale Sindaco di Roma è nell´incapacità di dare continuità al lavoro di lunghissima lena necessario per seguire investimenti infrastrutturali così complessi. Gli unici progetti messi in campo negli ultimi quattro anni, i prolungamenti, rischiano di essere ricordati soltanto per la colata di cemento che inonderà la città, poiché si basano su scellerati project finance che promettono valorizzazioni immobiliari per 5,5 milioni di metri cubi, l´equivalente di una città di 55 mila abitanti! Per di più, nelle nuove condizioni economiche, sarà ben difficile che progetti finanziari di questo tipo possano stare in piedi."
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam