Roma, 26 Ottobre 2021  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



05/01/2011 Europa
Federalismo o voto? Come Tremonti gioca con la Lega
La tentazione c´è e, proprio in queste ore, c´è chi sta decidendo se sacrificare sull´altare dei giochi politici il cuore della riforma del federalismo fiscale che, è ormai evidente a tutti, non si può fare a costo zero.
A giudicare dall´intervista rilasciata ieri a Il Sole 24 Ore dal ministro per le riforme Roberto Calderoli, di fatto indisponibile a confrontarsi sul merito, più che dalle parole pronunciate da Umberto Bossi prima della cena con Tremonti («il federalismo è già pronto» ma «se non ci sono i numeri preferisco le elezioni»), si potrebbe quasi pensare che nella Lega aumentino i fautori di chi punti a staccare la spina al governo.
Che dire però se ad essere maggiormente tentato a far saltare il banco sia Calderoli piuttosto che il senatur? I segnali inviati nelle ultime settimane dal ministro per le riforme sono al riguardo inequivocabili e indicano come l´asse Calderoli- Tremonti abbia rotto definitivamente gli indugi. E il perché è presto detto. Proprio Calderoli, che già in occasione della legge delega è stato disposto a stravolgerla purché uscisse condivisa e che in questi mesi ha cercato non solo il confronto ma anche la mediazione con le altre forze politiche (Pd compreso), si sarebbe convinto che è il momento di giocare il tutto per tutto. Confortato in questo, anzi supportato, per non dire ispirato dal ministro dell´economia Giulio Tremonti. Un asse in cui si salderebbero ambizioni differenti quanto complementari.
Se infatti Calderoli si giocherebbe in questo modo la leadership nella Lega mantenendo salda tra l´altro la bandiera del federalismo e ipotecando in modo inequivocabile la successione a Bossi, è Tremonti a soffiare sul fuoco sapendo che le sue chance di arrivare a palazzo Chigi scadono velocemente. Più possibilista il senatur che, a un passo dal veder coronato il sogno del federalismo, vorrebbe incassarlo e subito.
Se nelle prossime ore si capirà meglio quale linea è destinata a prevalere, a pochi giorni dalla ripresa dei lavori parlamentari mentre un premier sempre più impaurito dalla richiesta di ricorso alle urne continua a sbandierare risultati economici strabilianti del suo governo, c´è chi medita di raccogliere consenso sventolando una bandiera federalista che di fatto ancora non esiste visto che al momento l´unico decreto consistente che ha preso il largo è quello sul federalismo demaniale. Chi è convinto che Bossi stia sacrificando la sostenibilità finanziaria dei comuni italiani sull´altare di un gioco politico che serve solo al suo partito è Marco Causi, deputato del Pd e vicepresidente della Bicameralina che da martedì prossimo sarà impegnata a esaminare il decreto attuativo sulla fiscalità comunale in scadenza il prossimo 28 gennaio.
«Un gioco politico − spiega Causi a Europa − in cui non si tiene in alcun conto il merito ma, anzi, si preferisce agitare una bandiera incuranti del fatto che finirebbe per condannare i comuni a un periodo di instabilità e insostenibilità finanziaria».
Non è un caso, infatti, che alla fine delle audizioni sul decreto i servizi parlamentari abbiano raccolto un dossier di oltre 40 pagine con punti e osservazioni critiche su un provvedimento che, se approvato così com´è, negherebbe nei fatti l´autonomia finanziaria ai comuni. Per Causi provocherebbe forti distorsioni nelle basi imponibili comunali non solo tra comuni del nord e quelli del sud ma anche tra quelli turistici e non, inoltre non presenterebbe alcun coordinamento con l´altro decreto sulla fiscalità regionale con effetti distorsivi nella sovrapposizione dei tributi. «Senza contare che il governo si è totalmente dimenticato − conclude Causi − di dire qualcosa sulla Tarsu ovvero sulla seconda imposta comunale».
E se per Francesco Boccia, coordinatore delle commissioni economiche del Pd, l´ultimatum di Calderoli è un bluff tutto giocato all´interno della maggioranza e del governo visto che poi «la partita più importante è quella che si gioca sulla fiscalità regionale», per il capogruppo del Pd in bicameralina Walter Vitali il nodo sulla cedolare secca sugli affitti, per il quale Mario Baldassarri di Fli ha chiesto lo stralcio che Calderoli non intende concedere, con una perdita di gettito di 2,5 miliardi di euro per il biennio 2011-2012 potrebbe essere dirimente.
«Noi non ci facciamo condizionare dalla contingenza politica − spiega Vitali − vogliamo la piena attuazione della legge 42 ma abbiamo forti riserve sul merito del decreto». Non solo sulla cedolare secca che, per il Pd, deve riguardare solo i nuovi contratti di affitto ma anche per l´Imu il cui gettito a regime sarebbe garantito solo dai non residenti. «Non mi pare che Calderoli intenda affrontare il merito del provvedimento − commenta Vitali − Senza contare che non è vero, come sostiene, che intendiamo reintrodurre la tassazione sulla prima casa. Noi proponiamo come in Francia un´imposta sui servizi non aggiuntiva ma sostitutiva della Tarsu e dell´addizionale Irpef. Siamo disposti a sfidare il governo sui contenuti, sempre che il ministro accetti il confronto». ight ©08 Mario Causi - p.IVA 10276570586 - Progetto grafico: Gioia Tappa - made in Bycam
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2021 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam