Roma, 05 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



22/12/2010 M.Causi
Letterina di Natale per Berlusconi: come dare una risposta semplice alle richieste di Renzi
Caro Presidente Berlusconi,
non sono fra quelli che hanno storto il naso quando il Sindaco di Firenze, che Le aveva chiesto un incontro istituzionale, ha accettato di svolgerlo in una delle Sue innumerevoli residenze private. In tempi come questi, da fine dell´Impero, ognuno ha il diritto-dovere di fare quello che può per la comunità che lo ha eletto.
Ho storto il naso, però, quando ho letto che, in esito a quell´incontro, Lei avrebbe promesso di varare una legge per il contributo di soggiorno nelle città d´arte. Mi domando come mai Lei non sappia che: (a) la possibilità di istituire contributi di scopo comunali collegati ai flussi turistici sia già prevista dalla legge sul federalismo fiscale e vada quindi soltanto attuata con un decreto; (b) lo schema di decreto sul "federalismo municipale" che il Suo Governo ha approvato ad agosto si dimentica totalmente di questo aspetto (così come di altri: ad esempio, che fine farà la Tarsu?).
Quello schema di decreto è oggi in Parlamento, all´esame della bicamerale sul federalismo, ed è stato il Partito Democratico a depositare una proposta alternativa in cui vengono riempite le numerose lacune e dimenticanze della bozza governativa, compreso il contributo di soggiorno. Che può avere un ruolo importante per aumentare le risorse destinate alla manutenzione delle risorse che danno attrattività turistica ai territori (beni culturali, ambiente, centri storici, ecc.) e per introdurre equità a vantaggio dei residenti, i quali nelle città d´arte sono chiamati a sostenere i costi generati dalla popolazione turistica senza necessariamente goderne dei benefici (a meno che non svolgano le loro attività nel settore del turismo, ma non per tutti è, ovviamente, così´).
Caro Berlusconi, Lei è bravissimo a rivoltare la frittata. Ma per venire incontro alle richieste del Sindaco di Firenze − e a quelle di tutti i Sindaci delle città d´arte italiane − non c´è bisogno di inventarsi nuove leggi. Basta che Lei dica al Ministro Calderoli di accettare le proposte del Partito Democratico, che dei Sindaci non si è mai dimenticato, al contrario di quanto ha fatto il Suo Governo da più di due anni.
Chissà se, in questo modo, il Natale possa far fiorire un ravvedimento del Governo ed una profonda revisione dello schema di decreto sul "federalismo municipale" che, così com´è, non solo non attua quanto previsto dalla legge sul federalismo, ma proprio non sta in piedi.
Marco Causi
 pyright © 2008 Mario Causi - p.IVA 10276570586 - Progetto grafico: Gioia Tappa - made in Bycam
 



 
L´Unità
Letterina a Berlusconi

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam