Roma, 09 Dicembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



03/03/2010 PD
Inflazione: Causi, "Dato generale non giustifica aumento +3,7% servizi tariffati"
Inflazione: Causi, "Dato generale non giustifica aumento +3,7% servizi tariffati"
Dichiarazione di Marco Causi, responsbile finanza pubblica del Pd
"Approfittando della situazione di relativa invarianza dei prezzi di alcuni generi di largo consumo, conseguenza di una grave crisi economica che sta colpendo in misura maggior il nostro Paese, il Governo Berlusconi ha volutamente chiuso gli occhi sul controllo delle tariffe per far passare aumenti nei servizi regolamentati ben al di sopra della media generale dell´1,2%. Ecco i tassi di inflazione più significativi: Trasporto ferroviario +14,8% Servizi postali +11,2% Assicurazione auto +7% Pedaggi autostradali +7% Rifiuti urbani +6,4% Servizio idrico +6,2%.
Sono dati dell´Istat che purtroppo non vengono più presi nella dovuta considerazione e che invece per famiglie, lavoratori e piccole imprese, già ampiamente colpite dalla diminuzione del reddito disponibile, si traducono
in una vera e propria tassa occulta.
Il rialzo dell´inflazione dei mesi scorsi, superiore alla media UE, (dal minimo di luglio dello 0% al picco di gennaio dell´1,3%) è quindi attribuibile, oltre ai carburanti, all´inflazione della componente servizi
tariffati a livello nazionale che ha toccato il 3,7% (il doppio rispetto ai servizi non regolamentati) e all´incremento del prezzo dei tabacchi deciso a dicembre dal Governo.
E se, anche per motivi congiunturali e statistici, a febbraio l´inflazione si è fermata, è molto probabile che a marzo ci sarà un nuovo balzo all´insù, sulla spinta dall´effetto degli aumenti di questi giorni del
prezzo dei carburanti e delle rc-auto, oltre agli incrementi già decisi per le tariffe dei servizi pubblici.
Una situazione che incide maggiormente su quelle imprese in crisi che a causa del calo della domanda di beni di largo consumo non possono evidentemente agire sulla leva dei prezzi di vendita per recuperare il maggiore costo dei servizi pubblici".
 
 

 
Gettito Iva 2009 e andamento dei consumi: effetto di composizione o crescita del sommerso?

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
 economia 
 finanza pubblica 
 mezzogiorno e sicilia 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam